Ma sono depresso o semplicemente triste?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità  ha condotto uno studio negli USA da cui sono emersi dati su cui riflettere: la depressione colpisce ben 21 milioni di persone solo negli Stati Uniti ed è la prima causa di disabilità al lavoro per le persone che hanno un età tra i 15 e i 44 anni. Una vera e propria piaga sociale.
Sembra anche che l’esposizione agli eventi negativi che ci accadono in prima persona, o che accadono ai nostri cari, e a tutte le vicende o fatti di cronaca che apprendiamo quotidianamente dai media in modo martellante, contribuisca a farci sentire spesso tristi se non addirittura affranti durante l’arco della giornata.
Risulta così quasi normale, davanti a tanta negatività chiedersi:
“ma sono depresso o semplicemente triste”?
In alcuni momenti della vita capita ad ognuno di noi di provare angoscia e infelicità  ma la differenza tra l’essere tristi o malinconici e l’essere depressi è piuttosto sostanziale. La tristezza può durare anche qualche giorno ma non impedisce le normali attività quotidiane, mentre la depressione interferisce gravemente.
Ci sono svariati sintomi che contraddistinguono la depressione, alcuni sono elencati qui di seguito:
• Sentirsi triste o depresso
• Perdere l’interesse o il piacere di fare cose che prima ci davano gioia, compreso il sesso
• Essere pessimisti
• Essere irritabili e ansiosi
• Sentirsi stanchi  e senza energie
• Subire cambiamenti di peso
• Sentirsi soli, con il vuoto intorno
• Avere difficoltà a concentrarsi
• Avere problemi con il sonno come insonnia o il sonno interrotto
• Avere pensieri di morte.
E’ importante ricordare che questi possono essere stati d’animo o pensieri occasionali legati ad episodi particolari della nostra esistenza. Possono però diventare sintomi di depressione quando sono persistenti e causano un cambiamento nelle abitudini di vita.
Ma come posso curarmi se sono depresso?
Ci sono persone che soffrono di depressione, anche in modo serio, ma non ne parlano con nessuno e non vogliono affrontare il problema. Alcuni provano imbarazzo perchè pensano, erroneamente, che la depressione sia sintomo di debolezza.
La verità è che la depressione è una malattia vera e propria e che come tale va curata. La depressione è causata da una combinazione di fattori genetici ed ambientali, che alterano il funzionamento dei neurotrasmettitori, sbilanciandoli.
La depressione, una volta diagnosticata, va curata con i farmaci e con la psicoterapia oppure, a seconda dei casi, anche solo la psicoterapia può essere efficace.
E’ importante sottolineare che prima si riconosce meglio è!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *