mania del controllo

Chi sono le persone che hanno bisogno di controllare tutto?

Si sente spesso dire dalle persone: ”Se qualcosa o qualcuno scombina i miei programmi vado in crisi”, “Ho bisogno di avere la giornata programmata sennò mi viene l’ansia”, “Mi piace fare le cose sempre nello stesso modo”. Il bisogno di mantenere il controllo può manifestarsi in tanti modi e si riversa in ogni aspetto della vita ma ciò che spesso porta le persone ad una consulenza è il bisogno di controllare gli altri. Sfortunatamente le incognite all’interno delle relazioni, di qualsiasi natura esse siano, sono multiple ed è impossibile non doverle affrontare almeno una volta nella vita.

Ma chi sono le persone che hanno bisogno di controllare tutto?

  • Gli ansiosi: per evitare l’ansia e le sensazioni corporee che la accompagnano, programmano e pensano ad ogni possibile evento avverso finendo però per anticipare l’ansia innescando un circolo vizioso;
  • I narcisisti: non posso permettersi di essere criticati, messi in discussione, abbandonati per cui mettono in atto una serie di strategie per scongiurare tutto questo. Non possono permettersi di sentire in quanto ciò li renderebbe vulnerabili per cui stabiliscono relazioni basate su potere e controllo;
  • I perfezionisti: hanno la necessità che il mondo rispecchi una loro immagine di perfezione per colmare il loro senso di insicurezza.

Chi ha bisogno di mantener  il controllo non gode appieno della vita perché raramente trae gioia da ciò in cui si applica. Il controllo non si limita al libero fluire della propria vita ma si applica anche al flusso della vita altrui.

A livello corporeo la mania di controllo conduce ad uno stato di tensione muscolare continua, e quindi di rigidità, con conseguente senso di stanchezza cronica. La rigidità che serve anche per bloccare le emozioni profonde come rabbia, tristezza, senso di colpa, frustrazione, che potrebbero risultare ingestibili.

COSA FARE

Nei casi in cui la mania di controllo sia un sintomo di problemi più gravi disturbi d’ansia e disturbi di personalità, è fortemente consigliabile rivolgersi ad uno specialista.

Negli altri casi è di fondamentale importanza imparare a LASCIARE ANDARE e godersi la vita come uno spettatore partecipante che osserva il libero fluire della vita godendone la magia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *